12.04.2015 Cadute dall'alto:il regolamento per l'edilizia

Pubblicato sul Bollettino ufficiale della regione Umbria il Regolamento “Norme sulla prevenzione delle cadute dall’alto per lo svolgimento delle attività nell’ambito dell’edilizia” n.5 del 05/12/2014.

 Il Regolamento, in attuazione della Legge 16/2013, riguarda tutte le attività in quota che si svolgono nel campo dell'edilizia, come gli interventi riguardanti le coperture, sia di edifici di nuova costruzione che di edifici esistenti, e "gli interventi su edifici aventi facciate ventilate, continue e facciate costituite da ampie superfici finestrate, per le quali è obbligatorio progettare ed approntare dispositivi atti a prevenire i rischi di caduta dall’alto per i successivi lavori di manutenzione".


 
L’obiettivo è tutelare sia il lavoratore che il committente facendo in modo che nel momento in cui si opera sulle coperture o su facciate particolari di un edificio siano stabilite a monte le modalità con cui eseguire gli interventi e sia stabilita una procedura unica di affidamento da parte del committente privato all'impresa o al lavoratore autonomo che sale in quota.
 
Il lavoratore deve essere informato dal committente sullo stato dei luoghi e deve risultare formato sui dispositivi in uso per prevenire la caduta; il committente deve informare e avere un'attestazione dalla quale risulti che abbia provveduto a quanto doveva.
 
Sarà quindi predisposto un elaborato tecnico della copertura e/o delle facciate che servirà a prevenire la caduta dall’alto di chi andrà a qualsiasi titolo in quota per fare sopralluoghi o lavori di qualsiasi entità; nell’elaborato perciò saranno indicate le caratteristiche dei tetti, i percorsi d’accesso, la distribuzione degli impianti ecc.
 
Il regolamento sarà uno strumento per i lavoratori ma soprattutto per i committenti che molto spesso sottovalutano le conseguenze penali che possono derivare da una cattiva gestione dei cantieri e delle operazioni che si svolgono in particolar modo sui tetti delle costruzioni e degli edifici.

Testo del Regolamento

Consulta il sito www.sicurezzacantieriumbria.it per approfondire