10.01.2015 DURC: rilascio a chi vanta crediti con PA

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con circolare n. 40 del 21 ottobre 2013, ha fornito le prime indicazioni sul rilascio del Durc ai soggetti in situazione di irregolarità che vantano crediti verso la Pubblica Amministrazione, “in presenza di una certificazione che attesti la sussistenza e l’importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti delle Pubbliche amministrazioni di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati da parte di un medesimo soggetto”.



Gli Istituti previdenziali e le Casse edili sono tenuti a rilasciare il DURC alle imprese che hanno ottenuto la certificazione di uno o più crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione, ai sensi dell’art. 9, comma 3-bis, del Decreto-Legge n. 185/2008.
Tali crediti, vantati nei confronti delle Amministrazioni statali, degli Enti pubblici nazionali, delle Regioni, degli Enti locali e degli Enti del Servizio Sanitario Nazionale, devono essere certi, liquidi ed esigibili e di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati da parte del soggetto titolare dei crediti certificati.

Le imprese otterranno un DURC emesso dagli Istituti Previdenziale e dalle Casse Edili con l’indicazione “che il rilascio è avvenuto ai sensi dell’art. 13-bis del decreto-legge 7 maggio 2012, n. 52, precisando l’importo del relativo debito contributivo e gli estremi della certificazione esibita per il rilascio del DURC medesimo”.

Il DURC emesso conterrà esplicitamente i seguenti elementi:
• dicitura di emissione “ex art. 13 bis, comma 5, D.L. n. 52/2012”;
• importo dei debiti contributivi/assicurativi, con indicazione dell’Istituto e/o della Cassa nei cui confronti sus¬sistono i debiti stessi nonché il loro ammontare complessivo disponibile;
• gli estremi della/delle certificazioni comunicate al momento di richiesta del DURC, con indicazione di ciascun importo nonché dell’ammontare complessivo disponibile;
• eventuale data del pagamento dei crediti vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni.

Si fa riserva di fornire un approfondimento della circolare in commento.